Puntata 10

Se, in qualsiasi cultura, ai bambini viene
insegnato «Noi siamo tutti ugualmente indegni di fronte a Dio». Se, in
qualsiasi cultura, aibambini viene insegnato «Tu sei nato nel peccato e
sei quindi peccatore pernatura». Se ai bambini sono dati in quantità
messaggi come «Non pensare, non far domande, CREDI e basta». Se ai
bambini vien detto «Chi sei tu per crederedi sapere di più del prete,
del ministro, del rabbino?». Se ai bambini viendetto «Se tu hai valore
non è per qualcosa che hai fatto o potrai mai fare, masolo perché Dio
ti ama». Se ai bambini vien detto «Sottomettersi a ciò che nonsi può
capire è l’inizio della moralità». Se i bambini son tirati su a forza
di«non essere desideroso e sicuro di te: è peccato d’orgoglio». Se i
bambini sonoistruiti a «mai pensare che tu appartieni a te stesso». Se
ai bambini vieneinsegnato «che il tuo giudizio non deve mai essere in
conflitto con le autoritàreligiose, a cui devi sempre credere». Se, ai
bambini viene detto «che ilproprio sacrificio è la virtù più importante
e l’abnegazione più nobile».Allora considera quali potranno essere le
conseguenze della pratica di viverecoscienziosamente, o la pratica
dell’autorealizzazione, o qualsiasi degli altrisei pilastri di una sana
autostima (Nathaniel Branden, «I sei pilastridell’autostima», 1994).

 

 

Cari
amici ed amiche, io devo ammettere di non sapere qualisono questi 6
pilastri dell’autostima, ma mi sento in ogni caso molto insintonia con
quanto sopra citato. Devo ammettere che a leggere certe cose sentolo
sdegno salire dentro di me, l’incredulità, la paura per il modo in cui
ibambini vengono fatti crescere in questo nostro mondo.

Io
ricordo quando, da piccolo, chiedevo ai ‘‘grandi’’ cosa c’erain cielo.
E ricordo anche le risposte: contraddittorie fra di loro, perché avolte
la risposta era Dio, altre volte invece nel cielo c’erano le
stelle,altre volte c’erano i pianeti e l’universo. Crescendo e andando
a scuolaeffettivamente scoprivo dai libri che in cielo vi sono le
stelle ed i pianeti,nel cielo vi è l’Universo. Ma allora dove sta Dio?
E la risposta che a questopunto mi veniva data era: Dio sta oltre
l’Universo, Dio ha creato l’universo! Ioperò non ero così convinto…così
chiedevo come fosse possibile che se l’Universoracchiude tutto ciò che
esiste Dio esista fuori da esso? Le contorsioni percercare di dare una
risposta al quesito erano pazzesche…ma di fatto unarisposta non arrivò
mai. Eppure io, cresciuto in un ambiente fortementeplagiato dalla
mentalità dogmatica e servilista tipicamente monoteistica, credevoin
Dio, e lo pregavo. Poi una volta una mia preghiera non fu esaurita, io
avevochiesto a Dio di non far morire una persona, eppure quella persona
morì(scoprii solo dopo qualche tempo che quella persona era gia morta
al momentodella mia preghiera). Il fatto che quella mia preghiera così
innocente edaltruistica non fosse stata accolta dal Dio della
misericordia sconvolse la miamente di bambino…mi scatenò dentro un odio
ed una rabbia verso quella figuratanto enigmatica e impalpabile che
sembrava giocare con le nostre vite come sesi trattasse di un THE SIMS
su scala globale. Quell’odio, scatenato dallaconsapevolezza di essere
stato tradito da ciò che avrebbe dovuto essere ilsupremo bene (provate
a spiegare ad un bambino di 12 anni perché il Supremo Benedovrebbe
permettere che un uomo, un lavoratore esemplare, venga ucciso lamattina
nell’atto di recarsi al lavoro, una settimana prima di ricevere
dallostato la sua prima pensione, ed un giorno prima di poter prendere
fra le suebraccia suo nipote per la prima volta, il figlio di suo
figlio.) mi permise dinon sentirmi più in dovere di credere in modo
acritico a ciò che provenivadalla bocca di chi si proclamava messaggero
del Signore. Col tempo, imparai avalutare criticamente tutto quello che
mi veniva propinato. Al di là delle mieesperienze personali però,
quello che mi sconvolge oggi è sapere che in questomomento tantissimi
bambini vengono educati a sentirsi solo degli strumentinella mani di
Dio, ciò che mi lascia sconfortato è sapere che tantissimibambini
venogno addestrati a credere in modo acritico  a ciò che esce dalla bocca del prete, delvescovo, del Papa.

Nella
mia vita un episodio terribile mi ha consentito,scatendando un odio
profondo e un sentimento di tradimento, di dare liberosfogo al mio
senso critico ed ha liberato la mia predisposizione
all’anilisiindipendente. Per altre persone non è così semplice, e
sapere che nel mondotanta gente viene continuamente plagiata mi mette
sconforto. Forse stasera hofatto qualcosa di molto diverso dal solito,
non ho parlato né di amicizia, né diamore (magari fra qualche giorno vi
parlo di un colpo di fulmine), però mi è venuto
naturale, leggendo quelle pocherighe della citazione, mettere per
iscritto il mio sconforto e la miafrustrazione di fronte a una simile
assurdità nell’educazione di un bambino. Sperodi non avervi annoiato.

Prima
di salutarvi, permettetemi di mandare un abbracciofraterno al mio
eterno amico Giuseppe ed a sua sorella Rosa Maria. CaroGiuseppe, la
nostra amicizia ha vissuto momenti terribili, che avrebbero
fattocrollare qualsiasi rapporto umano, eppure siamo ancora qui,
insieme come tantianni fa…..tu sai che io non credo nel destino, qundi
vuol dire che è tuttomerito nostro. Ti voglio bene amico mio.

Adesso,
per sdrammatizzare quella che oggi sembra una valle di lacrime (e già
mi sento un idiota per aver scritto tutta questa roba), vilascio con
una barzelletta, sempre in tema però:

 

 

Un ateo muore, e si trova di fronte alle portedell’inferno Smiley
Lo
accoglie niente popodimeno che Satana in persona, il quale lo
apostrofa’allora, signor io-non-ci-credo, che hai da dire adesso eh?
Preparati adun eternità nell’Inferno!’
Il nostro è shoccato! Ma
allora l’Inferno esiste per davvero, tutte le storiealle quali non
aveva mai creduto erano reali! Ed adesso è troppo tardi pertornare
indietro.
Satana allora lo porta a fare un giro per i suoi regni,
per mostrarli i luoghinei quali trascorrerà il resto della sua
esistenza.
E il nostro si acorge di molte discrepanze rispetto
all’immagine che si da disolito dell’oltretomba. Banchetti squisiti,
musica, ottimo vino… Centinaia ecentinaia di anime che gozzovigliano,
ridono, scherzano… ‘la ci sono leacque termali, e più in fondo ci
sono le piste da pattinaggio..’ spiegaSatana, mentre diavolesse gnocche
con le minne al vento ballano intorno apaletti da pompiere, e la gente
fa a gara con macchine e moto sportive sugiganteschi circuiti
asfaltati…

Sempre più stupito, il nostro nota ad un certo
punto un gigantesco muro dicinta, bordato di filo spinato, con vari
cartelli ‘nonoltrepassare’…
Incuriosito si avvicina, e da una crepa riesce a sbirciare dall’altra parte..
Quello
che vede lo stupisce ancora di più! Le gigantesche bolge
infernali,laghi si pece bollente, anime ferite e mutilate, demoni
orribili che abusano etorturano dannati urlanti, che bestemmiano e
implorano pietà!
Inquietato dalla visione, il nostro si gira e chiede ‘Satana mi dica, checosa c’è dall’altra parte di questo muro?’
‘Lascia perdere figliolo, quello è l’Inferno dei cristiani..’
‘Come l’Inferno dei cristiani? che significa?’
‘Ah, non saprei dirti.. loro lo vogliono così…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: